lunedì 7 marzo 2016

I dodici Jyothyrlingam (parte 2/3)



Vaidyanath

Durante il tempo del Signore Rama, c'era un re demone con dieci teste di nome  Ravana. Ravana voleva rendere la sua capitale, Sri Lanka, invincibile con la presenza di Lord Shiva. Attraverso la preghiera di Ravana, Shiva gli concesse un Jyotirlinga da portare in Sri Lanka, ma solo a condizione che ovunque fosse stato messo la prima volta, sarebbe rimasto in modo permanente . Gli Dei sapevano che se Ravana avesse raggiunto il suo obiettivo,  ci sarebbero state conseguenze disastrose. Essendo Varuna, il Dio dell' acqua, entrato nello stomaco di Ravana,  lo costrinse ad atterrare sulla Terra con la sua Vimana (carro volante) per rilasciare l'acqua. In termini semplici, gli Dei avevano fatto venire a Ravana  la voglia di urinare. Così, come Ravana scese sulla terra, Maha Vishnu apparve sotto le spoglie di un bramino. Ravana chiese al "bramino" di tenere lo Shiva Lingam temporaneamente e di non lasciare che toccasse il suolo. Non appena Ravana si allontanò, Maha Vishnu posò lo Shiva Lingam a terra e scomparve. Dopo aver visto quello che era successo, Ravana fece penitenza a Shiva, offrendo nove delle sue teste. Il Signore Shiva fu contento della sua devozione e gli restituì. Questa restituzione potrebbe essere paragonata a quella di un medico, quindi il Jyotirlingam si chiama "Vaidyanath," che significa "medico."

Vishwanath

Il Vishwanath Jyotirlinga si trova nella città santa di Varanasi, nota anche come "Kashi" o "Benares." Si dice che Varanasi sia il luogo in cui il primo Jyotirlinga in assoluto si manifestò. E 'il luogo in cui Lord Shiva apparve come un pilastro infuocato di luce  sia a Brahma che a Vishnu. Dal momento che Brahma e Vishnu stavano discutendo su chi era superiore, fecero una gara per trovare la fine della manifestazione di Shiva. Come ci si potrebbe aspettare, vinse Vishnu, poichè egli dichiarò che non c'era fine a Shiva, mentre Brahma, mentì e disse che aveva trovato la fine. A causa di questa menzogna, il Signore Shiva maledisse Brahma condannandolo a non essere mai  adorato. Il Vishwanath Jyotirlingam attrae molti pellegrini, in quanto è uno dei luoghi di pellegrinaggio più popolari in tutta l'India.


Rameshwar

Dopo che il Signore Rama aveva ucciso il re demone, Ravana,  si sentì infelice perché aveva ucciso un Bramino (Ravana era il pronipote di Brahma). Allo stesso tempo, il Signore Rama volle anche  esprimere la sua gratitudine al Signore Shiva. Così, il Signore Rama chiese ad Hanuman di andare a prendere un lingam di Shiva a Benares. Ma perché Hanuman non arrivò in tempo per il momento propizio della preghiera, Sita Devi formò uno Shiva Lingam dalla terra che ora è conosciuto come "Rameshwar," il Signore di Rama. Anche il  Lingam che Hanuman riportò è stato installato, ed è tradizione adorare il Lingam di Hanuman, noto anche come il "Kasilingam", prima dell' adorazione di Rameshwar.



Kedarnath

Dopo la battaglia di Kurukshetra tra i Pandava e i Kaurava, il Signore Krishna disse ai Pandava di cercare il Darshan di Lord Shiva. Mentre cacciava il Signore Shiva nella forma di un toro, Bhima afferrò la coda di Shiva così forte che la sua testa volò via e atterrò in Nepal. La parte posteriore stava in un luogo chiamato Kedar, ed è qui che il Signore Shiva diede il Darshan ai Pandava. Da questo evento, il Signore Shiva ha promesso di rimanere in Kedar, sotto forma di un Jyotirlinga.
   

"Guardiamo lo Shiva Lingam, che cosa vediamo? Lo Shiva Lingam è diviso in tre parti. La parte superiore, la parte centrale e la parte base. La creazione è la base, la protezione è la parte centrale e il distruttore è la parte superiore. Inoltre, il Lingam rappresenta l'infinito (infinito), perché non ha un inizio o una fine. E' rotondo - qualunque punto prendiate in un giro (oggetto), girate girate e potrete sempre tornare aullo stesso punto. "- Sri Swami Vishwananda“


domenica 6 marzo 2016

I dodici Jyotirlingams ( parte 1/3 )



L'India è una terra caratterizzata dai suoi sacri luoghi di pellegrinaggio. Si tratta di un luogo dove grandi santi hanno vissuto, dove sono state rivelate verità senza tempo, e dove il Signore è apparso ai Suoi devoti. Per Lord Shiva, ci sono dodici luoghi importanti di pellegrinaggio. Questi dodici luoghi sono di buon auspicio per la presenza di un Jyotirlinga, una forma auto-manifestata del Signore Shiva. In questa serie di tre parti, si metteranno in evidenza queste dodici manifestazioni per dare una breve introduzione sia per il Jyotirlingas, sia per lo stesso Signore Shiva. "Hara Hara Mahadev!"

Somnath

Il Somnath Jyotirlinga si trova nel Gujarat, India. La storia racconta che Chandra, il dio della luna, aveva sposato le 27 figlie di Prajapati Daksh, ma fra tutte le sue mogli, Chandra diede il suo amore solo a Rohini. A causa di questo, Prajapati Daksh maledì Chandra con la perdita completa della sua bellezza e splendore. Per consiglio di Brahma, Chandra fece grandi penitenze per compiacere Shiva. Dopo un lungo periodo di tempo, Lord Shiva benedì Chandra che avrebbe ritrovato e perso il suo splendore in cicli di quindici giorni. Da questa benedizione, si manifestò il Somnath Jyotirlinga.

Mahakaleshwar
Il Mahakaleshwar Jyotir Lingam si trova a Ujjain, India. Si dice che il re Chandrasena, che governò Ujjain, fu un grande bhakta del Signore Shiva. Un giorno, un ragazzino di nome Shrikar, fu ispirato vedendo la devozione del re e raccolse un sasso per adorarlo come Shiva Lingam. Nonostante fosse ridicolizzato da sua madre e  altri, la devozione di Shrikar per il Signore Shiva crebbe. Nel frattempo, la città di Ujjain fu attaccata sia dal demone "Dushana" sia dai suoi rivali vicini. Re Chandrasena si rifugiò ai piedi di Shiva, e Shiva apparve come la forma terrificante di "Mahakala" per distruggere il demone e tutti i nemici. A causa della devozione di Shrikar, re Chandrasena, e del sacerdote locale, Vridhi, Shiva si stabilì in città come Jyotirlinga per proteggere tutti i Suoi devoti.

Omkareshwar

Ci sono alcune storie riguardanti la storia di Omkareshwar Jyotirlingam. Una di queste storie ricorda che il Divino saggio Narada cantò le glorie del Monte Meru al monte Vindhya. Sentendo questo, il Monte Vindhya divenne geloso e decise di fare sacrifici a Lord Shiva. Mahadev era contento della sua penitenza e gli concesse il vantaggio di essere più grande di Monte Meru. Si dice che il lingam Monte Vindhya adorato fu diviso in due parti. Una parte divenne il Omkareshwar Jyotirlinga, e l'altra è divenne nota come il "Mamleshwar", o, "Amareshwar."


Nageshwar

Come è narrato nello Shiva Purana, il demone Daruka, e sua moglie, Daruki, avevano imprigionato molti devoti di Shiva. Per il loro orgoglio, cercarono di porre fine a tutte le cerimonie di buon auspicio e rituali. Tra i devoti imprigionati c'era un bhakta di Shiva chiamato "Supriya." Consigliando a tutti gli altri prigionieri di cantare "Om Namah Shivaya", Supriya era diventato il bersaglio personale di Daruka. Presto, Daruka cercò di porre fine alla vita di Supriya. Quando Daruka si lanciò su Supriya per ucciderlo, in quel preciso momento, il Signore Shiva si manifestò e uccise sia Daruka che Daruki. Dalla richiesta dei suoi devoti, Shiva poi si stabilì come il Jyotirlingam che conosciamo come "Nageshwar."

"Non c'è nulla che si chiama  vostro. Voi siete il vostro Atma . Anche questo corpo non vi appartiene . Esso si compone di cinque elementi e questo diventerà, diventerà i cinque elementi. Ecco perché Shiva è sinonimo di distruzione, perchè vi mostra che tutto ciò che raccogliete qui, tutto quello che chiamate  'mio', alla fine non è vostro. Ciò che è vostro è solo la coscienza pura, per ottenere la quale fate del vostro meglio nella vita. "-.
  Sri Swami Vishwananda
Si avvicina il momento di Maha Shivaratri! Registratevi oggi per riservare il vostro posto  a Shree Peetha Nilaya: http://www.bhaktimarga.org/events/event/maha-shivaratri

giovedì 3 marzo 2016

Al nuovo tempio di Noicattaro un evento tutto italiano...

Ecco il report  del week end trascorso dai devoti di Bari con Swami Pranavanada e  Indrani e Antonio, responsabili italiani dei bhajan:

"É molto difficile affidare i sentimenti alle parole, è ancor più difficile spiegare questi sentimenti a distanza rendendo partecipi gli altri. Ci proveremo...

Venerdì 26 nel primo pomeriggio un gruppo di devoti ha accolto Swami Pranavananda sul portone della casa di Pustadakarini e subito è scattata la simpatia per il nostro Swami italiano, che ci ha messo a nostro agio con un bel sorriso.

Il pranzo insieme a lui è stato un intrecciarsi di battute, insegnamenti, degustazione dei piatti tradizionali pugliesi preparati dalle nostre devote, e ha messo tutti di buon umore. Pensavamo che Swami volesse al termine del pranzo riposarsi un po' dopo il viaggio, ma non lo conoscevamo bene.  Infatti, al termine del pranzo,  ci siamo rimessi in auto, destinazione Basilica di S. Nicola, il luogo dove riposano le ossa del Santo trafugate (per questo tipo di furti si parla di "traslazione" che è un termine che santifica l'azione) da marinai baresi intorno all'anno mille e cento. 

L'atmosfera della cripta è stata subito avvertita dal nostro Swami e da tutti noi: ventate di amore e devozione, ci hanno permesso di riunirci in unità trascorrendo dei momenti sereni. Swami Pranavananda ci ha anche consigliato di andarci più spesso, perché quel luogo è straordinario.

Il giorno successivo, sabato, presso l'Una Hotel Regina di Noicattaro, vicino Bari, nel nuovo tempio, Swami è stato accolto da Umberto ed Alessia, i proprietari. E' subito cominciato il seminario per le prove dei Bhajan, tenuto da Indrani e Antonio. Dopo un'introduzione di Swami Pranavananda, Indrani con amore attento, ci ha spiegato sostanzialmente che cantare i bhajan è impegno e studio costante e non improvvisazione. A questo scopo tutti i presenti sono stati messi a dura prova, e fra steccatine, stridii, e quant'altro, qualcosa di buono alla fine è venuto fuori... qualcosa di armonioso e espresso con il cuore, che ci ha sorpreso. Non basta essere bravi o più bravi degli altri per i Bhajan, bisogna anche entrare in sintonia ed armonia con gli altri e questo è un bell'allenamento per il nostro ego...
Una dimensione nuova si è aperta per l'espressione della nostra devozione attraverso i Bhajan, una nuova consapevolezza che siamo un bel gruppo intonato, e abbiamo tanta voglia di studiare. E questo grazie alla paziente ed amorevole guida di Indrani e di Antonio, davvero bravissimi, esperti ed attenti ad ogni cosa.

Le ore volavano e il pranzo ha interrotto questo piacevole studio, ed è stato offerto e preparato dalle nostre devote.
Nel pomeriggio abbiamo tutti fatto visita al tempio Guru Kripa Mandir, a Noicattaro. É stato emozionante per Swami, accolto dalla famiglia Mungee, e per noi tutti, sentire le divine vibrazioni che ancora si avvertono in quel luogo, santificato dalla presenza di Sri Swami Vishwananda. Dopo un breve Satsang, Swami Pranavananda ha fatto una piccola puja con lo Shiva Lingam concesso agli italiani, con l'acqua, che poi ha dato a bere a noi tutti.

 Abbiamo riflettuto sulla particolare benedizione ricevuta in questa regione, dove a distanza di quattro kilometri ci sono ben due templi!
Nel pomeriggio abbiamo poi proseguito lo studio dei Bhajan.
Il giorno successivo, domenica, alcuni devoti con Swami Pranavananda si sono recati alla Madonna del Pozzo di Capurso, già visitata da Sri Swami Vishwananda nel passato, dove in un'atmosfera incantevole, in una grotta, hanno potuto percepire l'energia della Madre Divina.
In mattinata si è concluso il seminario che ha permesso a ciascuno dei presenti un'evoluzione nel canto dei Bhajan.

Nel pomeriggio Swami Pranavananda ha tenuto il suo Satsang, nel quale ha usato parole semplici, non rivolte alla mente ma al cuore. Il tema bellissimo è stato quello dell'incontro con il maestro, come preparazione all'incontro del prossimo aprile con Sri Swami Vishwananda. Erano presenti persone nuove ed eravamo in tutto circa quaranta. Al termine del Satsang, Swami ha voluto regalare a ciascuno di noi una piantina di coloratissime violette, simbolo della vita ed ha avuto parole d'amore e d'incoraggiamento per ciascuno dei presenti.

Diretta sapientemente dalla nostra Pustadakarini, in successione c'è stata la pratica dell'Om Chanting, che ha contribuito a darci un'altra onda d'amore.


In definitiva grazie al grande lavoro svolto dai devoti di Bari, da Indrani ed Antonio, tutto è andato per il meglio, al termine del programma non rimaneva che salutarci felici e con un po' di nostalgia."




domenica 28 febbraio 2016

Pellegrinaggio a Mauritius 2016

Siamo arrivati a Mauritius al mattino presto il Mercoledì, dopo un volo notturno per l'aeroporto di Port Louis, accolti dall'isola nel mezzo di un'estate calda e umida - un grande cambiamento dall' inverno tedesco da cui ci eravamo appena allontanati.


Dopo aver attraversato la dogana, siamo stati accolti da molti devoti che sono di nuovo venuti ad accogliere Guruji alla sua casa d'infanzia. Hanno donato a Guruji una ghirlanda, e si sono scambiati caldi saluti.

Abbiamo guidato da Port Louis al Sri Ranganath Mandir a Rose Hill. L'isola è meravigliosa - il clima tropicale e le piogge regolari rendono il paesaggio molto verde, e le montagne sparse in tutta l'isola sono di rara bellezza. Abbiamo visto ovunque molti manifesti che annunciavano il tour di Guruji  con darshan e satsang.



Dopo un'ora di auto attraverso campi di canna da zucchero e  città, siamo arrivati al Sri Ranganath Mandir - il primo Mandir che Guruji ha istituito. I devoti avevano preparato un benvenuto, con una Guru puja , uno striscione dipinto a mano e, a sorpresa, i fuochi d'artificio.








Abbiamo salutato le divinità del Mandir - Sri Ranganath (Lakshmi Narayan-sdraiato su Adishesh), Radha Krishna e Balaram, Shirdi Sai, Ugra Narasimha, molte murtis di Durga, e un grande lingam di Shiva all'ingresso. Abbiamo poi avuto modo di vedere la casa e la sala dove  Guruji è cresciuto.

La stanza di Guruji è ora piena da una parete all'altra di murti e immagini delle diverse forme del Divino. Alcune di loro hanno manifestato la vibhuti  e una murti di Krishna si trova in una ciotola piena di olio che si è manifestato, e si  dice che l'olio diventi liquido solo quando Guruji si trova sull'isola.

Guruji ci ha mostrato la sua prima murti di Krishna, e anche il primo lingam di Shiva. Da bambino, per potersi comprare il lingam di Shiva, aveva risparmiato i soldi del bus che gli davano i suoi genitori, scegliendo di andare a piedi. Dopo aver risparmiato a sufficienza, aveva comprato questo lingam di Shiva come  sua prima murti.


Il giardino del mandir è pieno di enormi piante Tulsi, che emanano un forte  profumo.

Mentre stavamo facendo il tour, abbiamo sentito una storia sul lingam di Shiva all'ingresso del Mandir.

La storia racconta che due matajis del luogo avevano fatto visita al mandir Sri Ranganath mentre era chiuso, ma sentivano un forte desiderio di pregare. Videro il lingam di Shiva davanti all'ingresso del Mandir, e andarono per fargli la puja. Mentre stavano cominciando, videro un uomo anziano che camminava verso l'entrata del mandir e le osservava da lontano.

Dopo aver cominciato a fare la puja, notarono una cosa strana. Mentre offrivano l'acqua al lingam di Shiva, l'uomo che guardava dall'ingresso si bagnava. Una delle donne lo aveva notato e penso che l'uomo si stesse orinando addossoe. I suoi vestiti si bagnavano, malgrado fosse una giornata di sole - quale altro motivo avrebbe dovuto esserci?

Le matajis continuarono a pregare, e, nel corso della puja, offrirono un fiore al lingam di Shiva - ma scomparve.

Guardandosi intorno, videro che i fiori erano apparsi da qualche altra parte - ai piedi dell'uomo all'ingresso.

Rendendosi conto di chi fosse veramente questo, le donne furono scioccate e guardarono l'uomo con soggezione e riverenza. L'uomo alzò la mano in una benedizione, e poi scomparve.

In serata, i devoti si sono riuniti nel mandir per un abishekam e una puja a Giridhari e alle murti personali di Guruji.





I devoti hanno cantato bhajan e kirtan mentre Guruji ha fatto la puja, e poi in seguito ha guidato molti bhajan, tra cui il Gopi Gita. Nella stanza si percepiva cordialità e familiarità. Tutti erano così felici che Guruji fosse tornato nel mandir, a Mauritius, e questo è stato espresso molto dolcemente nel loro canto, e nel loro stato d'animo per tutta la notte. Anche Guruji era molto rilassato, amichevole, e felice di essere con la gente. A un certo punto durante la notte ha detto che era felice di essere tornato a Mauritius, perché le persone erano felici che lui fosse tornato.

giovedì 25 febbraio 2016

Un articolo molto interessante...


Ecco l'articolo uscito oggi sul mensile Terra Nuova, in cui si parla del nostro Guruji con grande devozione e rispetto


24 FEBBRAIO 2016

BHAKTI MARGA: LA VIA DELL'AMORE E DELLA DEVOZIONE PER IL DIVINO

Sri Swami Vishwananda è un Maestro spirituale pienamente realizzato proveniente dalle isole Mauritius. Egli è il fondatore e ispiratore del movimento Bhakti Marga. Il messaggio di Swami è molto semplice: JUST LOVE – SEMPLICEMENTE AMA.

Bhakti Marga: la via dell'Amore e della devozione per il Divino
Sri Swami Vishwananda ha dedicato la sua vita ad aprire i cuori della gente e a risvegliare la loro innata capacità di amare al di là di qualsiasi condizionamento. Il suo scopo è quello di aiutare gli altri a trovare e realizzare il più alto, illimitato, incondizionato Amore Divino già presente in ogni essere umano.
"Per trovare questo vero amore e realizzare questa profonda connessione con Dio in se stessi, si deve praticare la bhakti - devozione. Quando vi arrendete con tutto il cuore e dite: 'Dio, ti voglio. Rivelati a me’, allora Dio si rivelerà”
Sri Swami Vishwananda
Il movimento Bhakti Marga è stata fondato da Sri Swami Vishwananda nel 2005. Bhakti signifca amore e devozione, mentre Marga sta per strada o percorso. Bhakti Marga è la via dell'Amore e della devozione per il Divino. Si tratta di un viaggio dalla mente al cuore, dove si incontra il vero Amore e il proprio Sé Divino.
La comunità di Bhakti Marga è costituita da centinaia di gruppi e migliaia di individui in sintonia tra loro in tutto il mondo, collegati attraverso la loro devozione e l’Amore per Dio.
In ultima analisi all'interno del percorso della devozione ci sono tanti percorsi diversi quanti sono gli individui, così come ogni rapporto con il Divino è molto personale e assolutamente unico.
“Bhakti Marga rappresenta la strada verso l'Amore all'interno del proprio cuore, ognuno è parte di Bhakti Marga."
Sri Swami Vishwananda
L'obiettivo finale del singolo viaggio spirituale è l'unità con il Divino. Per raggiungere questa meta, bisogna vedere l'amore unificante che giace dietro tutti i percorsi religiosi e superare tutte le barriere. Con naturale facilità Swami collega elementi di spiritualità orientale con elementi della tradizione spirituale occidentale dando alle persone l'accesso a un'esperienza molto personale con il Divino, senza distinzione di cultura, sesso o età. La vita di innumerevoli persone è stata trasformata grazie all’Amore di Swami, e al suo accettare ogni persona per come è. Essa ha permesso a molti di arrivare sul sentiero dell’Amore nel suo modo individuale, aprendo la porta delle possibilità proprio al momento giusto.
Per fare tutto questo, Swami viaggia per il mondo dando Darshan e Satsang a innumerevoli ricercatori spirituali. Ricevere una benedizione personale (Darshan) da un Maestro illuminato è uno dei più grandi doni dati all'umanità. Swami elimina sostanzialmente tutte le limitazioni di ciò che si può ottenere con questa vita umana risvegliando la Luce e l’Amore che ognuno ha dentro di sé.
I Satsang, d'altra parte, sono un'occasione unica dove si possono ricevere spiegazioni chiare e signifcative sui grandi misteri della vita. Nelle scritture indiane si dice che ascoltando Satsang si riducono le preoccupazioni e ci si libera dall'illusione.
L'aspetto forse più sorprendente del lavoro di Swami è che non viene organizzato in India o alle Mauritius, o in qualche altro luogo esotico che si potrebbe associare a dimensioni spirituali mistiche, ma in Germania. Bhakti Marga ha la sua sede nella splendida campagna della regione di Taunus. Il centro e ashram, Shree Peetha Nilaya (che significa "Dimora della Madre Divina") è un luogo di spiritualità ininterrotta. I residenti e gli ospiti provenienti da tutto il mondo si riuniscono ogni giorno per partecipare alle preghiere, alla meditazione, al canto, al Seva, e per condividere il loro amore per Divino. Grandi celebrazioni si svolgono ogni mese, creando un'atmosfera dinamica di trasformazione e di sviluppo spirituale che fornisce a ogni ricercatore esattamente ciò che sta cercando.
È raro che qualcuno si dedichi con tutto il cuore al bene spirituale degli altri e rimanga accessibile a tutti coloro che sono sinceramente alla ricerca di un'apertura spirituale.
Swami si dona completamente al servizio delle persone; tutti coloro che sinceramente vogliono scoprire quali misteri profondi si trovano dentro le profondità dei loro cuori dovrebbero sentirsi incoraggiati a fare un passo e incontrare questo straordinario Maestro.
Si può visitare l'ashram in Germania o incontrarlo in uno dei suoi numerosi tour in tutto il mondo, per sperimentare veramente cosa signifca amare nel modo in cui Dio vorrebbe che noi amassimo.
Per visitare il sito l'indirizzo è www.bhaktimarga.org
di Sergio Tonon

mercoledì 3 febbraio 2016

Sri Swami Vishwananda in Italia!


JGD! 
E' con immensa gioia che vi annunciamo che dal 19 al 23 APRILE 2016 
SRI SWAMI VISHWANANDA tornerà in ITALIA con un TOUR in 3 città:
due DARSHAN a ROMA e TORINO, e un SATSANG a VERONA.

Ricevere una benedizione personale da un maestro spirituale illuminato è uno dei più grandi doni dati all'umanità. L'amore che sentiamo durante il Darshan non è qualcosa che proviene dall'esterno. E' la nostra stessa Divinità che si rivela a noi.
Il Satsang è un‘occasione unica per essere in presenza di Swami Vishwananda e insieme ad altri ricercatori spirituali, e ricevere spiegazioni chiare e significative sui grandi misteri spirituali della vita.

Per non perdere questa straordinaria opportunità, vi invitiamo a registrarvi ai link corrispondenti di ogni città, per prenotare il posto e trovare  ulteriori informazioni:

- MARTEDI' 19 APRILE 2015 a ROMA: DARSHAN 
ore 18,00 c/o Hotel Pineta Palace, Via San Lino Papa 35
Per registrarsi: events.bhaktimarga.org/rome
Potete trovare tutte le informazioni e i dettagli alla pagina dell'evento:

- GIOVEDI' 21 APRILE 2015 a VERONA: SATSANG
ore 20,00 c/o Dimensione Energia, Via 1° Maggio 13, Mozzecane (VE)
Potete trovare tutte le informazioni e dettagli alla pagina dell'evento:

- SABATO 23 APRILE 2015 a TORINO: DARSHAN
ore 16,00 c/o Bocciodromo De Angeli, Corso Lombardia 174
Per registrarsi: events.bhaktimarga.org/turin 
Potete trovare tutte le informazioni e dettagli alla pagina dell'evento:

Nella pagina di ciascun evento del Tour, troverete rispettivamente: 
relativi contatti telefonici e email per la richiesta di eventuali informazioni, una lista di Hotel e strutture (convenzionate) nella zona del luogo dell'evento e non solo, le indicazioni stradali e le informazioni su come raggiungere il luogo con mezzi pubblici, e potrete anche scaricare flyer e poster di ogni singolo evento.

Tutti gli eventi del Tour in Italia sono gratuiti,  ma sono gradite le donazioni (dakshina) per contribuire a coprire i costi organizzativi.
Il team Bhakti Marga Italia


domenica 10 gennaio 2016

IMPORTANTE: NUOVE LINEE GUIDA PER I DARSHAN A SHREE PEETHA NILAYA



Cari devoti e partecipanti ai Darshan:
come sapete, è un grande onore poter avere il Darshan del nostro Gurudev e siamo molto,molto fortunati che ce li conceda così frequentemente e così instancabilmente qui, a Shree Peetha Nilaya.
Il nostro nuovo sistema di registrazione per i Darshan è stato un tentativo per assicurare un'esperienza più confortevole per tutti. Con queste registrazioni limitate, i Darshan sono stati brevi e tutti sono stati in grado di parteciparvi pienamente senza che diventassero  una  maratona, inclusi gli altri devoti, i musicisti, i residenti e lo stesso Guruji.
Sfortunatamente, ciò che abbiamo rilevato è che sempre più devoti si registrano e poi non vengono, senza informarci in anticipo per cancellarli. Questo significa che alcuni Darshan sono risultati tutti esauriti, quando in realtà c'era ancora spazio disponibile e più persone avrebbero potuto partecipare, se solo l'avessero saputo.
Questo non è giusto per nessuno e ha causato disappunto, così iniziamo una nuova strategia: se vi prenotate per un Darshan a Shree Peetha Nilaya e non venite senza cancellarvi in anticipo, non potete più registrarvi per il Darshan per altri tre mesi.
Questa decisione e queste conseguenze sono state approvate con la speranza che aiuteranno tutti a prendere più seriamente il privilegio di venire al Darshan per ricevere la benedizione da Guruji.
Naturalmente, se vi siete registrati e i vostri progetti cambiano, tutto ciò che dovete fare è contattare il nostro ufficio (events@bhaktimarga.org) e permetterete ad altri devoti di registrarsi e di venire per ricevere la benedizione da Gurugji.
Per favore,è urgente che lo facciate il più presto possibile quando sapete che non potete partecipare, almeno 24 ore prima, così da non rischiare la penalità di tre mesi.
Questa strategia inizia immediatamente, così per favore fate a Guruji ( e ai devoti) la cortesia di lasciare il vostro spazio prenotato se non potete partecipare al Darshan a Shree Peetha Nilaya.
Cordialmente  
Il team Shree Peetha Nilaya Events

sabato 9 gennaio 2016

La realizzazione di un Decennio d'Amore 2/3



"Un pellegrinaggio d'Amore"

Il pellegrinaggio è un viaggio spirituale che apre gli occhi e il cuore per vedere  nel cuore e nell'anima di un luogo sacro al di là di ciò che è tangibile. Compilare il libro "Un Decennio d'Amore"  è stato una sorta di pellegrinaggio, attraverso il paesaggio sacro della e della missione di  Sri Swami Vishwananda. Ogni pellegrinaggio con un Guru ci porta in un nuovo territorio, sia all'interno che all'esterno; questo mi ha portato ad un più profondo apprezzamento di chi è il mio Guru e di come l'amore possa davvero cambiare tutto.

Ogni pellegrinaggio può toccare solo i punti salienti della terra santa da visitare. Questo libro non è diverso. Per condensare la vita di servizio e realizzazione di un Maestroin un unico libro che si può tenere in mano è davvero un compito arduo. I suoi insegnamenti da soli hanno già creato una biblioteca di libri. Quindi è sorta la questione di come raccontare la storia.

La serie cronologica degli eventi, anche se impressionante, semplicemente forma le pareti di un tempio. Mentre un pellegrino gode la bellezza della strutturabrama interiormente di sentire l'amore e la devozione che l'ha costruita e la mantiene viva nel cuore di coloro che compiono la loro adorazione. E così, abbiamo scelto di presentare sia le pareti, pietra per pietra, sia le mani e i cuori di coloro che disinteressatamente hanno lavorato per manifestare la visione di un Maestro straordinario e la sua straordinaria missione.


Come chiunque abbia mai fatto un pellegrinaggio con Guruji sa, l'itinerario è solo un suggerimento e le parti più emozionanti dell'avventura arrivano nei modi più inaspettati. Il cammino di riempire 228 pagine, con circa 26.000 parole, in meno di un mese, non era affatto una linea retta. Con troppe informazioni in alcune categorie, non abbastanza in altre, e solo una mappa vaga per coprire un territorio così vasto, l'avventura è iniziata. Numerose volte durante tutto il mese ci siamo imbattuti in ostacoli che ci hanno richiesto di fare un passo indietro e ri-orientare il nostro cammino. Spesso si sentiva che avevamo bisogno di altri sei mesi per fare le cose giuste.

Eppure, per la grazia di Guruji l'impossibile compito è stato reso possibile. Ogni volta che diventava essere troppo, ci si fermava, andavamo dentro di noi stessi e pregavamo per la Grazia. Le preghiere ricevevano sempre risposta con più energia, una nuova idea, la volontà di lasciarsi andare e farlo in modo diverso. Non c'era spazio per ego; per finire il lavoro dovevamo lavorare insieme, lasciare che gli altri affinassero il nostro lavoro e lasciar andare di orgoglio. Alla fine, tutto è stato consegnato ai Suoi piedi di loto e attraverso la sua misericordia, che si sono riuniti. A solo una settimana dalla scadenza, un tema è emerso che ha tirato insieme tutti i fili sciolti e ci ha dato una visione su come portarlo a casa, al cuore: "Vivere la  Bhakti ogni giorno".


In tutto questo, siamo stati assistiti nei modi più sorprendenti. Siamo stati sempre sostenuti dalla sua presenza invisibile, bisbigli silenziosi che spesso dettavano cosa scrivere e dove concentrarci successivamente. 16 ore al giorno seduti davanti ad un computer e  90 ore alla settimana volavano senza dolore fisico, con il minimo sforzo e quasi senza complicazioni.

Sotto tutto questo c' era un profondo desiderio di servire il nostro amato Guru e creare qualcosa che lui sarebbe stato felice di condividere con chiunque e con tutti: la famiglia, i devoti, i politici, la stampa. Speriamo sinceramente di aver raggiunto  il nostro obiettivo. E' stato infatti il viaggio più incredibile, sia dentro che fuori. Il prezioso dono del seva al Guru mi ha mostrato che più amore abbiamo provato per lui, più siamo stati stati sostenuti, e più abbiamo ricevuto. E' stato davvero un onore e un privilegio  far parte di questo progetto.

Jai Gurudev!
Aruni

lunedì 4 gennaio 2016

Capodanno 2015 a Shree Peetha Nilaya

La celebrazione del Capodanno a Shree Peetha Nilaya ha fatto iniziare il 2016 con un aumento della Bhakti! A SPN, la notte è iniziata "ufficialmente" con una presentazione che ha rievocato tutti gli eventi incredibili accaduti durante il 2015. Dal titolo di "Mahamandaleshwar" ricevuto da Guruji, alla fondazione della Bhakti Marga Academy, molti traguardi e cambiamenti che continueranno a giocare un ruolo negli anni futuri per Sri Swami Vishwananda e Bhakti Marga, hanno avuto luogo nel 2015.
Finita la presentazione, sono cominciati i bhajan. Mentre la band BM cantava "Shankha Chakra Dhara", i devoti e Sri Swami Vishwananda non potevano fare a meno di ballare. Dalla parte anteriore a quella posteriore del Darshan Hall e anche  fuori vicino all'ingresso, si vedeva una folla di devoti, con le mani alzate, che cantava: "Vitthala Vitthala Panduranga!"
A mezzanotte, Guruji ha portato tutti al tempio per offrire la prima arati del nuovo anno. Poco dopo c' è stato lo spettacolo pirotecnico. E la notte era solo all' inizio. Tutti erano concentrati e non c'è stato nemmeno un momento che non sia stato utilizzato per la celebrazione dell'anno nuovo.
In precedenza, prima che cominciasse la presentazione, Guruji aveva parlato del cambiamento dell'anno e del suo vero significato. Ecco un estratto dal suo discorso:
Vedete, è un grosso problema quando il calendario cambia e questo è ciò che le persone continuano a celebrare: un cambiamento del calendario. Noi pensiamo:" Va bene, è passato un anno ... "Prendete sempre delle decisioni importanti per il prossimo anno . In realtà, oggi e domani sono la stessa cosa; non cambia nulla. Ciò che cambia è solo il calendario, il nome. Se non siete cambiati nel corso della vita, lungo il cammino, una data o un cambiamento del calendario  non vi cambieranno mai.

Il cambio di calendario è fatto in modo molto intelligente, così che possiate riflettere su voi stessi. Quando si guarda indietro l'anno che è passato, è allora che si guarda a se stessi. Non sto dicendo di guardare qualcun altro. Guardatevi! Che cosa avete cambiato? Come avete fatto a cambiare e trasformare voi stessi? Come siete stati dall' inizio dell'anno fino alla fine? Si sono verificati dentro di voi cambiamenti positivi?

Dovrete osservare la vostra vita, perché cosa cambierà più tardi? Vedete, le persone prendono grandi risoluzioni, "Oh, sai, nel 2016 cambieremo, getteremo via le sigarette". Sarà quel che sarà. Questo non è nelle vostre mani. Che cosa c'è ora, questa è la risoluzione che state prendendo adesso. Si prende una decisione positiva ogni giorno ... nel momento in cui vi svegliate, dite che volete fare un cambiamento in questo mondo. È da lì che il cambiamento inizia. Non si tratta dell'anno che cambia, ma del vostro cambiamento.

Quindi, visto che vi piace molto prendere decisioni quando cambia l'anno, o il calendario sta cambiando, decidete che dovrete raggiungere la chiarezza della mente. Perché la mente è la più vicina a voi. Qualunque cosa voi facciate nella vita, la fate con la mente, no? Come ha detto Ramakrishna.

Dio vi ha dato ogni parte del vostro corpo per un motivo. La mente ha anche la sua utilità. Non possiamo dire che la mente è sbagliata. Ma quello che  è sbagliato è come la si utilizza. Quindi, se siete chiari e date tutta la vostra attenzione alla chiarezza dentro di voi, vedrete che ciò che volete raggiungere nella vita - anche se sembra lontano - sarete in grado di farlo in un tempo molto breve e sarà molto facile. Perché anche l'energia che è dentro di voi sarà proiettata  sulla vostra determinazione. E questa energia fluisce verso quella determinazione solo quando siete chiari.

Quindi, siate chiari su ciò che volete raggiungere e siate chiari su voi stessi. Siete unici; siete una benedizione proprio così come siete. Nel momento in cui cominciate a rispettarvi per come siete, nel momento in cui iniziate ad amarvi così come siete, vedrete quanto è facile  amare."-Sri Swami Vishwananda 

La celebrazione del nuovo anno  si è conclusa con la benedizione personale di Sri Swami Vishwananda, kirtan fino a tardi anche con Guruji, e l'ultimo evento è stato un party disco / dance con il nostro DJ personale, "DJ Bhaktivesh". La nottata si è conclusa la mattina presto verso le 04:00. Tutto sommato, la celebrazione di capodanno è diventata un'occasione di festa intrisa di Bhakti e ha impostato il tono per l'anno a venire. Visto che ci sono stati vari cambiamenti nel 2015, è difficile immaginare cosa accadrà nel 2016, ma comunque, qualunque cosa sarà, conterrà solo dei pezzi da aggiungere al misterioso puzzle del disegno divino del nostro Guruji. Jai Gurudev, e  Felice Anno Nuovo!





Hara Hara Mahadev! Maha Shivaratri 2016 si sta avvicinando, registratevi oggi e preparatevi per la notte di adorazione del più grande bhakta, il Signore Shiva. Per maggiori informazioni, cliccate sul link: http://www.bhaktimarga.org/events/event/maha-shivaratri