giovedì 24 dicembre 2015

La realizzazione di un Decennio di Amore 1/3



10 anni di Amore:
Un decennio di amore
 Esperienza dietro le quinte: creazione della storia della missione d'Amore di Sri Swami Vishwananda 
All'inizio di quest'anno, quando abbiamo iniziato a prepararci per il festival 10 anni di Bhakti Marga che ha avuto luogo il 10-12 luglio, abbiamo anche deciso di mettere insieme un libro in grado di coprire i primi 10 anni della storia della nostra missione.Per tutti quelli che erano coinvolti era chiaro che avrebbe dovuto essere un libro straordinario, con un sacco di grandi effetti visivi che cogliessero il "quadro generale" e tanti piccoli spunti affascinanti nella meravigliosa missione del nostro amato Guruji, la Missione dell' Amore.Per farla breve, alla fine non abbiamo fatto in tempo a scriverlo. Così abbiamo dovuto rimandare per dopo e ancora una volta sembrava che il tempo scivolasse via dalle nostre mani. Per fortuna, però, con un po' di spinta amorevolmente severa dal nostro Guruji, siamo riusciti aprepararlo per il Natale 2015. Poichè il 2016 si avvicina, questo segna la fase finale del primo decennio d'Amore. In realtà, a ben vedere, è il momento perfetto per guardare indietro a ciò che è stato conseguito, e siamo felici che "il destino" ci abbia permesso di pubblicare il libro solo ora. Ci ha dato l'opportunità di includere completamente il 2015, durante il quale sono successe tante cose speciali, per completare la prima decade in bellezza. Ora siamo pronti per immergerci nella ​​Nuova Era. Ma diremo  più tardi ciò che questo significa.


Mettere insieme un libro che fosse degno della missione di Guruji è stata una bella sfida per il nostro team. Non era un progetto che una o due persone potessero portare a termine per loro conto con le loro piccole dita per così dire. È stato necessario uno sforzo più grande, dove abbiamo dovuto liberarci dai vincoli delle nostre funzioni abituali per dargli la giusta attenzione di cui c'era bisogno. Inoltre, siamo stati di fronte ad una vera e propria "scadenza". Il che significa che assolutamente doveva uscire entro Natale 2015, altrimenti saremmo ... morti! Non letteralmente, naturalmente, ma  avete capito di cosa si trattava.

Ottenere questo risultato in meno di quattro settimane sembrava ad alcuni di noi  una missione impossibile. E guardando indietro, è abbastanza giusto, perché Bhakti Marga stesso è per molti versi una missione impossibile dal punto di vista umano. Quello che Guruji ha fatto in questi dieci anni è un capolavoro divino che lascia senza fiato! E 'il suo miracolo più grande di tutti, costituito da innumerevoli piccoli e grandi miracoli. Storie ed esperienze di esseri umani trasformati da "metallo" in oro, e Guruji è stato la pietra filosofale che ha fatto in modo che tutto accadesse. Che bello per noi essere stati scelti per essere co-creatori della sua grande opera!

Sapevamo che non potevamo permetterci di lasciare qualcosa  "cotto a metà". Troppo grande era la posta in gioco. Per scrivere la storia, la storia della missione del nostro Guru. Così un gruppo più grande ha lavorato intensamente nelle ultime settimane per farlo accadere, e alla fine, abbiamo lavorato letteralmente giorno e notte. Non abbiamo avuto altra scelta che diventare una vera squadra per avere successo. Un continuo "sì" gli uni agli altri. Le creazioni di una persona -  concetti, testi, immagini o disegni - sono stati rimodellate o modificate da qualcun altro, e di nuovo cambiate da una terza persona. Quello che era molto bello da vedere è che ci siamo fidati a vicenda, ci siamo fidati che il contributo della persona vicina l'avrebbe reso migliore. Non si trattava di "mio" o "il mio", si trattava di Lui (cioè Guruji) e noi. Non è la prima volta che vedo i devoti di Guruji crescere insieme nei momenti di pressione. A volte possiamo avere piccole controversie qua e là, come in ogni famiglia, ma quando ci vuolecresciamo insieme e diventiamo uno.

Quando abbiamo completato il libro dopo un notte intera di lavoro, ci siamo resi conto di avere appena fatto il 3 ° "Ratri" (tutta la notte, dove non si dorme) dell' anno: Shivaratri, notte di Karthik , e ora Missione d' Amore Ràtri
Sono questi i momenti di cui ci si ricorda per il resto della propria vita. Quando si dà tutto. Quando si spremono fuori le ultime gocce di forza vitale. Eravamo stanchi morti, ma non  morti! Eravamo vivi, perché avevamo vissuto la bhakti nella sua pienezza.




In conclusione, questo libro non è solo un semplice libro di storia. Esso considera i primi dieci anni della missione di Sri Swami Vishwananda in modo tale che li trasforma in un forte richiamo a ciò che conta di più: Dio è Amore. Dio si manifesta come il Satguru per svegliare l'umanità in modo che riscopra l'amore dentro di sé. Il Satguru e la sua missione sono uno. Se amiamo il Guru, se amiamo Dio e la sua creazione, allora dovremo naturalmente abbracciare la sua missione, che è quella di diffondere il suo amore. Significa che naturalmente vogliamo trasmettere l'Amore che abbiamo ricevuto.

Osservando la prima decade di Amore, si potrebbe dire che è la fase in cui abbiamo ricevuto un sacco di Amore. Ora la nuova era, che inizia con un nuovo decennio, si distingue per la condivisione di quell'Amore. In realtà condividendo (incondizionatamente), riceviamo anche più di prima. Questo è il segreto dell'Amore. Bisogna dare per riceverlo. Bisogna avere il coraggio di essere dove è necessario essere, non dove si vuole essere. Ma la vera devozione  unisce la necessità con il desiderio. In altre parole, si vuole essere dove è necessario essere.

La missione non può essere pienamente compresa. Non si possono comprendere pienamente neanche il Guru, o Dio. Ma questo libro fa un pò come una "Murthi". È un portale fisico per accedere alla verità più grande che è oltre il tempo e lo spazio. Ci auguriamo che approfitterete dell'occasione unica che il libro fornisce, e che vi piacerà scoprire le chiavi del successo per la Nuova Era. - Swami Vishwakurunandhanananda



Celebrate l'avvento dell'11° anno di  Bhakti Marga con noi a Capodanno! Cliccate sul link per registrarvi: http://www.bhaktimarga.org/events/new-years-eve

mercoledì 16 dicembre 2015

Un Darshan tutto italiano

E' cominciato venerdì  sera il pellegrinaggio a SPN dei più di 200 devoti provenienti da tutta Italia, dall'estremo nord al profondo sud.  Il programma, organizzato con cura dal team BM Italia, comprendeva i satsang con Swami Vishwavijayananda e Swami Vishwapranavananda, durante il quale è stata anche presentata la squadra  Bhakti Marga e le sue attività e,


mentre il nostro gruppo bhajan, guidato da Indrani e Antonio, faceva le ultime prove per il darshan,

  
il tour di SPN con la guida di Rishi Pramod.


Nella serata di sabato, l'evento più atteso, è stato il darshan con Guruji, anche se i devoti già presenti il venerdì avevano già avuto la grazia di un darshan inaspettato

Molti hanno indossato gli scialli appositamente preparati per l'occasione con il bellissimo logo del Bhakti Marga Italia, e sembravamo proprio una bella famiglia in visita al nostro Gurudeva. Soprattutto si respirava felicità, contentezza e, come ha notato Swami Vijaya, un grande calore, come ben si conviene al nostro carattere di italiani... 

 
Guruji, nel suo discorso prima del darshan, ci ha parlato proprio dell'amore e del rispetto che dobbiamo avere gli uni verso gli altri:

" L'amore è molto importante, è quello che vi rende migliori. Se non c'è amore non potete avere fiducia in nessuno, non potete rispettare nessuno. E se non potete avere fiducia e amare le persone intorno a voi, come potrete credere in Lui, di cui non sapete nulla? Lui è tutto. Voi avete una connessione con lui solo quando costruite questa relazione d'amore con Lui. Allora diventa realtà, diventa reale. Quando prendete rifugio  ai Piedi del Signore, si rivela questa realtà, questa connessione. Senza di essa passerete da una vita all'altra, continuerete a restare in questo cerchio sempre. Spezzatelo! Ecco cosa significa l'abbandono, cosa significa lo scopo della vita" -

Il nostro Maestro ci ha dimostrato subito di cosa stava parlando perchè durante tutto il darshan il suo amore è stato più che abbondante, era una cosa quasi palpabile. Per tutti ha avuto una parola, una carezza, un consiglio e tanti sorrisi...
E noi abbiamo cantato  con tutto il nostro amore e la passione che abbiamo per lui...


Per restare in tema, non c'era modo migliore di finire l'evento che con un matrimonio: Shreemati e Valmiki, come si dice, hanno coronato il loro sogno d'amore, benedetti da Guruji e festeggiati da tutti i presenti.

Dopo il darshan abbiamo aspettato Guruji per un satsang che, se possibile, ci ha riempito ancora di più della consapevolezza di avere veramente un Maestro "Divino"...


Ci ha dato tutto l'amore che potevamo ricevere e anche di più e al ritorno ognuno di noi ha portato con sè tanti doni.

 Con tanta gratitudine ci inchiniamo a te, che sei il nostro Maestro, il nostro Satguru, vera incarnazione dell'Amore Divino...



GRAZIE!



giovedì 3 dicembre 2015

Babaji day 2015



Il Babaji Day è una serata che onora  Mahavatar Kriya Babaji per tutta la grazia e la guida che Egli ci dona. Si celebra il 30 novembre il giorno in cui Babaji decise di rimanere nel suo corpo e continuare ad assistere lo sviluppo spirituale dell'umanità. Attraverso la benedizione del Kriya Yoga, Mahavatar Babaji e Sri Swami Vishwananda lavorano insieme per elevare la coscienza dell'umanità allo stato di divinità.

La celebrazione del Babaji Day 2015 a Shree Peetha Nilaya è iniziata con la Guru Puja a Sri Swami Vishwananda, e quindi una Kalash Puja dedicata a Mahavatar Babaji. Visto che Babaji stesso ha promesso di essere presente ogni volta che il suo nome è pronunciato per tre volte, nell'atmosfera della sala questo si avvertiva sensibilmente. La notte ha incluso bhajan, una lettura e un discorso su Babaji, la pratica di gruppo dell'Atma Kriya Yoga, e Sri Swami Vishwananda che ha condiviso la sua saggezza su Mahavatar Babaji e la grazia del Kriya Yoga.


Ecco un estratto dal discorso di Sri Swami Vishwananda durante il Babaji Day:
"Sappiate che qualsiasi cosa facciate non siete soli. Avete la Grazia di Mahavatar Babaji con voi, uno dei più grandi avatar che abbiamo mai camminato sulla terra, che è ancora vivo, che è ancora qui. Quando si pratica (Kriya Yoga), sappiate che Egli è con voi, sappiate che io sono con voi e sappiate che tutti i santi e i saggi del kriya sono con voi. Questa è la benedizione che vi è stata data quando avete ricevuto la Shaktipat.
La Shaktipat non è solo un trasferimento di energia a voi. Non è solo una chiave di sblocco. Si tratta di un trasferimento di Grazia del Maestro a voi. Chi di voi  pratica il Kriya, mantiene quella grazia dentro di sè, la possiede.  Ecco perché Babaji ha detto che siete tutti  yogi, perché Egli vi ha fatto suoi  yogi. Voi portate la sua grazia e benedizione con voi.
Quindi, questa è la benedizione, che dopo questa vita, Lo raggiungerete. E se non riuscite a raggiungerlo in questa vita, Egli vi aiuterà. Naturalmente, se il vostro karma è troppo... se avete un miliardo di vite di karma, allora la Grazia proseguirà nella prossima vita, così come è continuata dalla penultima vita a questa. Perché attraverso vite, tutte queste migliaia di anni, voi avete praticato. E poichè voleva che voi lo conosceste, vi ha dato la grazia della benedizione di conoscerlo. E soprattutto, vi ha dato la grazia della suprema benedizione  della bhakti.
Siete molto fortunati a ricevere questa grazia. Siete molto fortunati ad essere tra i Suoi eletti. Lasciate che il suo amore, lasciate che l'amore che Dio ha messo dentro di voi irradi attraverso di voi. Ogni volta che praticate il vostro kriya, sappiate che, quando Lo invocate, Lui è accanto a voi. "- Sri Swami Vishwananda

Il Babaji Day è il promemoria perfetto di come  ciascuna delle nostre vite siano benedette. E 'un giorno in cui essere semplicemente grati per tutto quello che abbiamo ricevuto, non importa quanto piccolo. Mahavatar Babaji e Sri Swami Vishwananda lavorano mano nella mano per aiutare tutti noi a raggiungere i piedi di loto del Signore. Praticando l'Atma Kriya Yoga e collegandoci ai Maestri divini che hanno già realizzato la Verità Ultima, ci viene data la grazia di sperimentare l'amore di Dio al suo livello più alto. Babaji benedice continuamente il mondo e tuttavia rimane umilmente nascosto, sempre in attesa che noi lo scopriamo nel luogo che è il più vitale ̶ il cuore.


Un paio di giorni dopo il Babaji Day, Sri Swami Vishwananda è andato  in Finlandia per inaugurare un nuovo tempio a Mahavatar Babaji. Il tempio è situato a Helsinki, la capitale del sud della Finlandia. Come si può vedere dalla foto, la murti di Babaji è al tempo stesso raffinata ed essenziale. I devoti della Finlandia sono stati notevolmente benedetti dall' avere oggi una sede ufficiale per Babaji, un luogo che possono sempre visitare e dove possono trascorrere il loro tempo in presenza di uno dei più grandi avatar  mai incarnato. Con la benedizione di Sri Swami Vishwananda, il tempio di Babaji recentemente inaugurato è diventato un faro di luce per i devoti della Finlandia, e inevitabilmente, per il resto del mondo.

Sri Swami Vishwananda conduce l' abishekam a Mahavatar Babaji

L'offerta finale dell'arati conclude la cerimonia
Il 2015 è quasi finito! Unitevi presto a noi a Shree Peetha Nilaya per le celebrazioni di Capodanno 2016 e iniziate l'anno con un botto spirituale:
 http://www.bhaktimarga.org/events/new-years-eve

Lo Yogi immortale: Mahavatar Babaji


Nel corso della storia umana, le cime innevate delle sacre montagne dell'Himalaya in India sono state conosciute come la casa degli Immortali. I picchi montani  dell'Himalaya sono noti anche come la dimora fisica dell'eterna, giovanile forma  e dello  spirito dell'Essere di Luce che noi conosciamo come Jagadguru Mahavatar Babaji.

Per secoli, e forse anche di più, molti hanno incontrato Babaji. Identificato con vari nomi, i più comuni oggi sono 'Jagadguru Mahavatar Babaji' e ' Maestro Immortale'. 'Maha' significa grande e per 'Avatar' si intende l'incarnazione  della divinità in forma fisica - Mahavatar 'Babaji' è un termine che significa venerato padre e 'immortale' è colui che vive in eterno. E 'Jagadguru' significa 'il Guru del mondo.' Pertanto, egli è il Maestro del mondo, l'Immortale Jagadguru Mahavatar Babaji.

Tutte le forme di Babaji vanno e vengono a volontà. Molte persone nel corso dei secoli hanno interagito con Lui nella forma eterica, così come nella forma apparentemente fisica. Altri hanno interagito con lui in sogni, visioni e meditazioni. Le varie forme di Babaji esemplificano gli attributi del divino che Egli ha, e sempre, Egli dona molte benedizioni e insegnamenti a coloro che incontra. In realtà, si dice che ogni volta che qualcuno pronuncia il nome di Babaji con riverenza, quella persona riceve una benedizione spirituale istantanea.
La missione di Babaji consiste nell' aiutare l'umanità ad evolvere secondo i tempi della propria anima verso la realizzazione della sua unità con Dio. Egli offre all'umanità uno scorcio di divinità in forma fisica, e fornisce un esempio consapevole delle possibilità che l'umanità ha di trasformarsi da maya (illusione) nella Divinità Immortale che Babaji ha esemplificato attraverso i secoli - un ponte di eternità tra il divino e l'umanità. 
Anche se  Mahavatar è spesso identificato con l'India e l'induismo, Egli è un essere immortale universale , e non aderisce esclusivamente a una particolare tradizione, religione, paese, razza o credo. Egli abbraccia incondizionatamente tutte le tradizioni spirituali, tutto il creato, e ogni coscienza come Uno.

Babaji è un Essere Divino Universale, un "fratello maggiore", per così dire, nello sviluppo evolutivo dell'umanità lungo il suo cammino verso la perfezione. Tre attributi principali costituiscono la sua grandezza: immenso amore, incredibile umiltà e  profondità insondabile. Ha una profonda comprensione della natura umana nella sua condizione di dover far fronte ai problemi di sopravvivenza e al benessere in questo mondo. I suoi insegnamenti sono sempre stati caratterizzati da una radicata praticità  e un  atteggiamento molto raramente riscontrabili nella società moderna - un mix dinamico di purezza, umiltà, amore e pragmatismo.
Uno delle azioni più note di Babaji è che alla fine del 19 ° secolo, ha riportato la pratica a lungo dimenticata del Kriya Yoga al suo discepolo Lahiri Mahasaya. Dal momento che i tempi sono cambiati enormemente da allora, Mahavatar Babaji ha introdotto una nuova forma di Kriya Yoga per l'età moderna, l'Atma Kriya Yoga, attraverso il suo discepolo Sri Swami Vishwananda. Babaji ha parlato molte volte di Kriya Yoga, dicendo come si sia benedetti se si è in grado  di imparare e mettere in pratica queste tecniche yogiche.
"Quando vi sedete a meditare e il tempo si ferma, per il momento, ci si sente liberi. La pace scende, quando purificate e allineate i chakra del corpo fisico nella pienezza. Il chakra della corona si apre da sé attraverso la pratica  delle tecniche dell'Atma Kriya Yoga. La Divinità si trova nel mezzo del Sahasrara, il chakra della corona, in attesa di essere liberata. Poi l'anima di chi pratica Atma Kriya Yoga vola, libera di andare e venire dentro e fuori della forma fisica a volontà. Questo è il coronamento dell' Atma Kriya Yoga; attraverso la pratica amorosa diligente, si apre la porta dell' Eternità, attraverso il chakra della corona, il Sahasrara. "- Mahavatar Babaji

L'Atma Kriya Yoga è disponibile per tutti, non importa la  tradizione spirituale, visto che lo scopo del Kriya è quello di sperimentare l'Amore che è Dio .

Una parte vitale dell' Atma Kriya è l'iniziazione Shaktipat che si riceve. La Shaktipat è veramente ciò che dà all' Atma Kriya Yoga il suo immenso potere. In sostanza, l'iniziazione Shaktipat è l'infusione di illimitato Amore Divino nel corpo limitato dell'iniziato. Questa è la chiave per raggiungere lo stesso Amore universale che possiedono Sri Swami Vishwananda e Mahavatar Babaji. L' Atma Kriya Yoga è stato dato al mondo in modo che l'umanità possa essere elevata e possa sperimentare la pienezza di vita con ogni azione intrapresa. Babaji si è fatto conoscere al mondo, e ha dato l'Atma Kriya Yoga, in modo che possiate essere per sempre nell'Amore e possiate essere sempre in comunione perenne con Dio.
“Sono Babaji del Grande Himalaya, le montagne sacre dell'India che si ergono come sentinelle eterne di amore, devozione e fiducia ed eterna Divina Volontà dell'Unità. La mia offerta di assistenza è eternamente vigile, anche se le grandi montagne dell'Himalaya hanno resistito nel tempo come sentinelle spirituali per l'umanità. Io sinceramente chiedo: Siete pronti? "- Mahavatar Babaji
Se volete saperne di più sul Kriya Yoga, visitate il sito:

lunedì 30 novembre 2015

Seguendo il Maestro: Vrindavan 2015 - IX e X Giorno (conclusione)


"Fate del vostro meglio per diventare Divini. Questo è ciò che tutti i grandi maestri hanno insegnato. Cristo è venuto e ha insegnato questo, Krishna ha insegnato questo, e tutti loro hanno insegnato a realizzare la propria divinità, perché solo così, ci sarà la vera felicità." - Sri Swami Vishwananda 

Il viaggio:

Gli ultimi due giorni del pellegrinaggio sono stati pieni di profonda gratitudine ed emozione; l'evento più bello è stato il Darshan di Sri Swami Vishwananda l'ultimo giorno del viaggio.


Il giorno del Darshan, molti visitatori sono venuti all'Istituto Jiva con la speranza di avere una piccola visione di Guruji per la prima volta. All'inizio del Darshan, Sri Swami Vishwananda ha dato un bel Satsang, esprimendo quanto sia importante avere amore e rispetto per gli altri.


Dopo aver recitato la Gopi Gita, Sathyanarayan Das ha anche fatto uno stimolante discorso sul  supremo Amore che le gopi avevano per Krishna.

Finito il Darshan, il gruppo di pellegrini ha dovuto partire immediatamente per l'aeroporto. E 'stata un'esperienza dolce - amara per la maggior parte dei partecipanti che si sono diretti all'aeroporto,  raccontandosi i 10 giorni incredibili che hanno vissuto nel paese della Bhakti con  Sri Swami Vishwananda. Il compito dei partecipanti adesso è quello di diffondere  la luce e l'amore che hanno ricevuto da Guruji e da Krishna al mondo esterno.

In evidenza:

Di seguito è riportato un resoconto di prima mano del Darshan:

"La sala era piena di devoti, sadhu e yogi, ricercatori di ogni genere,  famiglie indiane con bambini, zie, zii e nonni, e rumorosi e gioiosi bambini del quartiere che ci ricordano il traffico indiano con le sue regole. Circa 400 persone sono venute per il Darshan che è finito esattamente in tempo per consentire al  nostro gruppo di  partire per andare a prendere l'aereo."


Conclusione:

Speriamo che vi sia piaciuta la serie "Seguendo il Maestro" a Vrindavan. Abbiamo in programma di averne ancora in futuro, visto che Sri Swami Vishwananda viaggia in tutto il mondo.

Se volete prendere parte ad un pellegrinaggio Bhakti Marga,  visitate il nostro sito per date e destinazioni future:  http://www.bhaktimarga.org/events.

Se semplicemente non potete partecipare al prossimo  pellegrinaggio e stare con Guruji e i devoti Bhakti Marga, vi invitiamo ad unirvi a noi per Babaji Day. Il Babaji Day è una celebrazione a Shree Peetha Nilaya (vicino a Francoforte, Germania) per onorare Mahavatar Babaji, il 30 novembre 2015. Per ulteriori dettagli visitate il sito: www.bhaktimarga.org/events
Speriamo di vedervi presto, a  Shree Peetha Nilaya o in un viaggio speciale da qualche parte nel mondo con Guruji.
Just Love,
Bhakti Marga Communications

giovedì 26 novembre 2015

Seguendo il Maestro: Vrindavan 2015 - VIII Giorno ( il Kund di Radha)


“Vrindavan è la terra in cui il vostro orgoglio viene purificato e l'ego ripulito. Più siete umili, più il Signore si rivela a voi."  – Sri Swami Vishwananda

Il viaggio:

La giornata è iniziata con Sri Swami Vishwananda che ha benedetto il nuovo futuro ashram. Era la prima volta che Guruji faceva una puja nel terreno dell'ashram ed è stata espressamente fatta per Madre Terra (Bhumi Devi Puja). E 'stato un momento molto speciale per Swamini e tutte le bramacharini che vi abitano.



Dopo la puja, il gruppo ha visitato il Radha kund e lo Shyama Kund dove Guruji ha fatto l' abhishekam a Giridhari. Il gruppo poi è andato al palazzo e luogo del samadhi del re Jajarshri Vanamali Rai che era il padre di Radha Vinodhini (ricordate la bella storia del suo rapporto con Thakur il giorno prima).

Il gruppo ha anche eseguito il parikrama intorno ai due kunds e visitato il luogo dove Chaitanya Mahaprabhu soggiornava quando è venuto e ha trovato i due kunds prima ancora che qualcuno sapesse della loro esistenza.



In serata, il gruppo è stato invitato per un evento al Fogla Ashram. L'evento si è tenuto per celebrare l'anniversario 500 anni della visita di Chaitanya Mahaprabhu a Vrindavan. C'è stata abbondanza   di musica e buon cibo indiano. Le celebrazioni serali erano un ottimo modo per concludere un altro giorno incredibile trascorso con Sri Swami Vishwananda, pieno di risate e di amore.
 


In evidenza:

Puja a Bhumi Devi:

Secondo la tradizione indù, si deve sempre eseguire la puja a Bhumi Devi in onore della Madre Divina prima di iniziare le costruzioni. Essa simboleggia l'atto di chiedere il permesso a Madre Terra (Bhumi) per costruire su di lei. Attraverso la preghiera, non stiamo solo chiedendo il permesso, ma chiediamo anche  perdono a Madre Terra perchè, costruendo l'edificio, le facciamo male.


Radha Kund & Shyama Kund:

Quando Krishna uccise un demone in forma di  toro, Radha "si preoccupò" per il karma associato con l'uccisione dell'animale (che normalmente è molto sacro per gli indù), e chiese a Krishna, per lavare I suoi peccati, di bagnarsi in vari fiumi sacri. Krishna, divertito dalla ingenuità di Radha, semplicemente colpì la terra con il piede, dopo di che sgorgò un grande fiume e prese la forma di un kund (un piccolo bacino idrico). In questo luogo, Krishna fece un bagno per compiacere Radha.


Radha, nel suo atteggiamento infantile, si arrabbiò perchè Krishna aveva usato i suoi poteri per compiere un tale atto, e decise che lei e i suoi aiutanti avrebbero scavato un kund con le mani nude e senza togliersi i braccialetti. Una volta che il kund fu creato, lo riempirono con fiumi sacri intorno alla zona. (Il kund è ora conosciuto come "Radhakund," e la gente arriva da ogni parte per fare un bagno.)

Dopo che il Radhakund è stato riempito con l'acqua sacra, Krishna disse a Radha che avrebbe fatto il bagno ogni giorno nel suo kund. Egli dichiarò che il Radha kund gli era caro  come Radha stessa, e che chi si sarebbe bagnato lì avrebbe ricevuto il suo amore. Radhakund è l'Amore personificato di Srimati Radharani.

 
Per vedere le foto collegatevi con la pagina Facebook: https://www.facebook.com/SriSwamiVishwananda

mercoledì 25 novembre 2015

Seguendo il Maestro: Vrindavan 2015 - VII Giorno (Il matrimonio)


"La pura devozione che aveva Radha per Krishna, anche se lei era separata da Krishna, e anche se lei era separata dall' Unità, era solo per insegnarci che cosa è l'abbandono." - Sri Swami Vishwananda

Il viaggio:

Oggi era fondamentalmente un giorno "libero" per il gruppo. Alcuni sono andati a fare shopping e altri hanno aiutato a preparare le principali celebrazioni delle nozze che hanno avuto luogo in serata.


Prima delle celebrazioni nuziali, Guruji e un piccolo gruppo hanno visitato il luogo in cui Nityananda Prabhu era solito sedersi e meditare sotto un albero. Il gruppo è anche andato al tempio dove sono conservate le reliquie di Jiva Goswami, compreso il suo japa mala.


La sera si è svolta la parte finale della cerimonia di nozze di tre giorni per la figlia di Swamini VishwaMohini Ma.

In evidenza:

Ecco un resoconto di prima mano della cerimonia nuziale:

"Oggi è stato il terzo e ultimo giorno del matrimonio. Tutto l'Istituto Jiva è stato completamente riarredato. Dal pavimento al soffitto, tutto era decorato con i tipici colori dell'arcobaleno indiani.




La metà del gruppo è andato all' Hotel a prendere lo sposo. Sulla via del ritorno per l'Istituto Jiva, lo sposo, accompagnato da un'orchestra, cavalcava un cavallo bianco e sembrava un Maharaja. All'Istituto Jiva, Guruji e l'altra metà del gruppo hanno accolto lo sposo e il corteo.


"La cerimonia di nozze comprendeva molti diversi elementi indiani e ci sono volute quattro ore per completarla. Alla fine della cerimonia, tutti abbiamo avuto l'occasione di congratularci con la bella coppia.


"Verso la fine della notte, abbiamo avuto una fantastica cena sotto la luna di
Vrindavan. Tutti noi ci sentivamo connessi con la famiglia del Sud Africa e i suoi amici."
Per visionare le foto visitate la nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/SriSwamiVishwananda

martedì 24 novembre 2015

Seguendo il Maestro: Vrindavan 2015 - VI Giorno (Divertimento nel fiume Yamuna)



"Immaginate come è stata  benedetta Yamuna col ricevere il Signore ogni giorno in lei fin da quando Lui era piccolo. Il giorno in cui è nato, Lei potè toccare i piedi del Signore!" - Sri Swami Vishwananda



Il viaggio:

Era il giorno di Ekadashi, che tradizionalmente prevede digiuno, visita ai templi e il parikhrama intorno a Vrindavan






La prima visita è stata al tempio di Kaliya Ghat, collegato a un famoso racconto dalla Shreemad Bhagavatam.

Un serpente velenoso, di nome Kaliya, viveva nel fiume Yamuna nel tempo di Krishna. Il suo veleno aveva inquinato le acque così ne persone ne animali potevano avvicinarsi alla Yamuna.

Il Giovane Krishna saltò dal ramo di un albero nel fiume per combattere Kaliya danzando sulle sue molteplici teste. Le mogli di Kaliya pregarono Krishna di non ucciderlo. Krishna accettò ma a
una condizione: Kaliya avrebbe dovuto lasciare la Yamuna e non tornare mai più.



Kaliya aveva paura di lasciare il fiume Yamuna, temendo che sarebbe stato attaccato da Garuda, ma Krishna promise di proteggerlo e lasciò la sua impronta sulla sua testa.

Il tempio ha una statua di Krishna che balla sulla testa di Kaliya, circondato dalle sue quattro mogli. Il tempio è anche famoso per un antico albero gigante che porta impresse le orme di Krishna . L'albero è dove le gopi avrebbero nascosto a Krishna i vasi di burro.





Dal  Tempio di Kaliya Ghat, il gruppo ha ha camminato fino alla Yamuna per un giro in barca. Lungo la strada, il gruppo si è fermato al Gaudi Matha Ashram, che è l'unico ashram unico di sole donne a Vrindavan. Da lì, il gruppo ha raggiunto le rive del fiume dove Krishna ha combattuto il demone Keshi.

Alla fine della gita in barca, il gruppo si è diviso. Alcuni sono tornati a Jiva per preparare il matrimonio e alcuni sono andati a fare shopping al Loi Bazaar.




La sera ha avuto luogo la seconda parte della cerimonia di nozze di tre giorni per la figlia di Swamini VishwaMohini Ma.

In evidenza:

Di seguito è riportato un resoconto di prima mano della cerimonia nuziale:

"La cerimonia è iniziata con la Guru Puja, e poi  la puja a Ganesh. Questa è stata seguita dalla cerimonia di Haldi, dove la sposa è stata spalmata con pasta di curcuma per indicare la purificazione interna. Essa, inoltre, conferisce alla pelle. una luminosità dorata

Tradizionalmente, la cerimonia sarebbe durata per un massimo di nove giorni e la sposa sarebbe stata completamente coperta di curcuma in polvere dalla testa ai piedi, e agli uomini non sarebbe stato permesso di assistere alla cerimonia. Nel nostro caso, è stata utilizzata una versione moderna  in cui la curcuma è stato spalmata soprattutto sul viso della sposa. Guruji ha dato la sua benedizione, e l'intera cerimonia è stata molto toccante.




La parte ufficiale è stata seguita da una bella cena fuori. La parte principale del matrimonio ci sarà domani."



Per vedere le foto visitate la nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/SriSwamiVishwananda

lunedì 23 novembre 2015

Seguendo il Maestro: Vrindavan 2015 - V Giorno (celebrazione di un matrimonio)


"Lui (Sri Krishna) non è mai nato. Anche la sua nascita è solo una Sua manifestazione. E' sempre stato presente ed è sempre presente" - Sri Swami Vishwananda 



Il viaggio:

La giornata è iniziata in un modo un pò  più rilassato con l' abishekam a Giridhari.





In seguito, il gruppo ha visitato il tempio di Krishna Jami, noto anche come Hukka Krishna. Ogni giorno, nel tempio offrono hukka (tabacco da pipa) a Krishna. Si dice che si può sentire il gorgoglio del tubo quando viene offerto, a significare che Krishna lo sta veramente fumando.






Dal tempio, il gruppo ha proseguito verso l'ashram di Neem Karoli Baba dove si trova il suo samadhi.

La notte, è iniziata la prima parte della cerimonia di nozze di tre giorni della figlia di Swamini VishwaMohini Ma  con molte decorazioni,  cibo e kirtan.




In evidenza:

Qui ci sono diversi resoconti di prima mano che mettono in risalto alcune storie interessanti:

Sterco di vacca:

"Mentre viaggiavamo  per le strade di Vrindavan abbiamo osservato le donne indiane che mettevano sterco di vacca, sotto forma di pane piatto, sulla parete per l'essiccazione. E' interessante notare che le donne usano sterco di mucca per vari scopi domestici come tenere lontani gli insetti. E' anche un ottimo conduttore di calore e può essere utilizzato per disinfettare.





Neem Karoli Baba:

"Quando siamo arrivati al Samadhi di Neem Karoli Baba, abbiamo incontrato il figlio che ci ha raccontato una storia molto interessante. Una volta  Baba voleva viaggiare in treno, ma non  volevano permetterglielo. Di conseguenza, il treno non si muoveva. Quando il macchinista  del treno si rese conto che era Baba, implorò perdono. Baba rispose che lo avrebbe perdonato, a condizione che da quel momento in poi tutti i santi e sadhu potessero prendere il treno gratuitamente. Si dice che Baba sia un'incarnazione di Hanuman che rappresenta la resa completa e la devozione ".



Matrimonio:

"Swamini VishwaMohini Ma ha cantato un bellissimo kirtan che parla del vero significato del matrimonio. In realtà, esso rappresenta l'unione con Dio, il percorso attraverso il quale possiamo trovare Dio nel nostro partner. Il primo giorno della celebrazione del matrimonio, è tradizione dipingersi con l' henné sulle mani e sui piedi, cosa che la maggior parte dei devoti si è divertita a fare per tutta la serata."